Come trovare uno spazio condiviso e comodo

In questo articolo si parlerà di come trovare uno spazio condiviso e comodo per lavorare.

Sempre più di frequente, si assiste alla scomparsa o alla trasformazione del lavoro in ufficio tradizionale.
Si moltiplicano i lavoratori freelance, in particolare in tutti i settori che riguardano il digitale: digital marketing, grafica, programmazione web.

Ma non solo: ormai anche molte aziende hanno cominciato a far lavorare i propri dipendenti da remoto, magari perché la sede aziendale si trova in un’altra città o perché si tratta di start up innovative che non possiedono ancora un vero e proprio ufficio.

Nasce il nuovo mondo dei cosiddetti digital nomads, lavoratori del mondo digitale che svolgono le loro attività ovunque, in casa ma anche nei caffè, sui treni, nelle stanze d’albergo, poiché hanno bisogno soltanto di una buona connessione internet e di un supporto come un notebook, un tablet o addirittura un semplice smartphone.

I professionisti, inoltre, che lavorano in autonomia, spesso lavorano da casa e non sempre possiedono un proprio studio personale, in particolare se si tratta di lavoratori autonomi di giovane età, la cui carriera è ancora in costruzione.

Tutte queste nuove possibilità, si scontrano però talvolta con un’altra faccia della verità: se lavorare da casa può essere per certi aspetti molto allettante, presenta anche delle difficoltà, che la ricerca di uno spazio condiviso e comodo per il lavoro può aiutare a risolvere.

Molte persone trovano molto più complesso trovare nel proprio ambiente domestico la stessa concentrazione che si crea sul posto di lavoro. I bambini, il postino, il telefono che squilla, il desiderio di fare uno spuntino o guardare per qualche minuto un programma televisivo: le distrazioni, specialmente per un lavoratore autonomo che non deve rispettare alcun orario imposto da altri, possono essere moltissime.

Vale anche il problema per certi versi speculare: la mancanza di uno spazio di lavoro che sia distinto da quello dedicato alla vita quotidiana e al relax, può contribuire all’incapacità di mettere un vero limite al tempo di lavoro. Si lavora molto di più, troppo, non si riesce più a “staccare la spina” e si finisce per sovraccaricarsi di fatica.

Chi lavora per conto proprio, da casa, alla lunga potrebbe sentire la mancanza dei legami sociali che si creano su un posto di lavoro. Una chiacchierata durante la pausa caffè, lo scambio di idee, la possibilità di chiedere aiuto a un collega se capita di dover affrontare un problema, sono quelle piccole cose che vanno perse nel lavoro virtuale.

La scelta di lavorare in uno spazio condiviso e comodo, risolve questi problemi e crea nuove, inaspettate possibilità. Vediamole insieme.

Vuoi avere maggiori informazioni?

TELEFONACI ORA
SCRIVICI UNA EMAIL

Dove trovare uno spazio condiviso comodo?

Di che cosa si parla, innanzitutto, quando si cerca uno spazio condiviso e comodo?
Si parla di spazi di coworking, che possono essere sia spazi ampi con molte postazioni individuali di lavoro, sia scrivanie in uffici di dimensioni più ridotte, da condividere con poche persone.
Vi sono perfino degli spazi di coworking pensati non per singoli lavoratori, ma per diverse aziende.

La postazione che viene messa a disposizione deve essere già attrezzata, con connessione internet e arredamento da ufficio.
Sempre più spesso, anche aziende e start up particolari condividono i propri spazi di lavoro, e spesso vi si trovano in comune anche attrezzature più complesse, come macchinari specifici e stampanti 3D.

Se siete lavoratori del digitale o professionisti, il posto migliore dove cercare uno spazio condiviso comodo è certamente un business center.
Questi luoghi vengono appositamente concepiti per offrire ai lavoratori tutto ciò di cui hanno bisogno. Spesso mettono a disposizione diverse tipologie di servizio, come sale meeting noleggiabili a parte o la possibilità di affittare una show room.

Si tratta di location autorevoli, in cui accogliere senza problemi i propri clienti.
Privilegiate le strutture situate in luoghi strategici, facilmente raggiungibili con i mezzi pubblici o privati, dotate di ampio parcheggio, per garantire a voi stessi e ai vostri eventuali clienti il massimo della comodità e scongiurare inutili perdite di tempo negli spostamenti.

Vi sono anche strutture, talvolta spazi industriali dismessi e recuperati, che sono adibite a spazio coworking, specialmente per aziende e start up.

Richiedi il tuo preventivo personalizzato online?

TELEFONACI ORA
SCRIVICI UNA EMAIL

Perché condividere spazi di lavoro?

Se state cercando di capire se lavorare in uno spazio condiviso comodo può essere la scelta giusta per voi e per favorire la crescita del vostro business, prendete in considerazione questi aspetti.

  1. Permette di avere uno spazio dedicato esclusivamente al lavoro.
    Per molti si tratta di un aiuto imprescindibile. Avere un luogo di lavoro fisico dove recarsi consente di dedicare alla nostra attività tutta la nostra concentrazione per il tempo necessario. Ciò permette di non perdere tempo inutilmente, aumentando la produttività. Allo stesso tempo, però, lasciare la nostra postazione a lavoro terminato rappresenta uno stacco molto chiaro: il lavoro è finito e possiamo dedicarci alle nostre commissioni e al tempo libero.
  2. Consente di avere i pregi di un ufficio, con un costo contenuto.
    Nel contratto di coworking non è semplicemente compresa la possibilità di utilizzare una postazione. Nella stessa cifra sono conteggiati anche diversi servizi: il servizio di segreteria, riscaldamento o climatizzazione, pulizie, connessione internet. Sono tutti costi che, normalmente, andrebbero a sommarsi all’affitto di un ufficio singolo, mentre in questo caso vengono tutti assorbiti in un prezzo molto più accessibile.
  3. Uno spazio condiviso comodo è anche flessibile.
    Una postazione di coworking può venire affittata solo per il tempo in cui ce n’è necessità. I contratti solitamente possono essere giornalieri, settimanali o mensili, ripetibili al bisogno. Se non vi serve più, al termine del contratto non esistono vincoli ulteriori. Ciò garantisce una grande libertà, consentendo al professionista di non sentirsi vincolato da lunghi contratti inadatti alle proprie esigenze.
  4. Consente di lavorare a contatto con altri professionisti, allargando il vostro network.
    La parte migliore del lavoro in ufficio sono proprio i contatti sociali che vi si possono creare. Non solo, benchè ciò sia molto importante, per la possibilità di creare veri e propri legami di amicizia.
    Il vostro stesso lavoro ne trarrà beneficio: lavorare in uno spazio condiviso comodo permette di conoscere altri lavoratori e altri brand, farsi conoscere e ampliare la propria rete e il proprio bacino potenziale di clienti, dare e ricevere aiuto o consiglio, creare nuove collaborazioni. Le strade che si possono aprire sono moltissime.